Abolizione del servizio di maggior tutela: tu sei pronto?

Il servizio di maggior tutela sta definitivamente per scomparire, lasciando spazio totale al mercato libero. La novità entrerà in vigore a partire dal mese di luglio 2019 e segnerà una vera e propria svolta nel settore della fornitura di luce e gas. Diverse aziende si sono adeguate a tali modifiche e stanno offrendo i primi bonus a tutti coloro che hanno già scelto di effettuare questo particolare passaggio.

Come funziona il servizio di maggior tutela

Prima di scoprire tutte le informazioni relative all’abolizione del servizio di maggior tutela è necessario sapere di cosa si sta parlando. Si tratta infatti di una funzionalità che prevede tariffe la cui entità è regolamentata dall’Authority per l’Energia. La distribuzione, il trasporto e la definitiva compravendita di luce e gas hanno prezzi ben precisi che non possono essere modificati. I costi sono dunque trasparenti e immodificabili, ma al tempo stesso le tariffe fisse non consentono alcun genere di variazione neanche verso il basso. È questa la differenza principale rispetto al mercato libero, nel quale ciascun fornitore può fissare i prezzi a proprio piacimento in un regime di concorrenza senza alcun genere di vincolo.

Come funziona il mercato libero

Come già accennato in precedenza, al servizio di maggior tutela si contrappone il mercato libero. Quest’ultimo è entrato in circolazione dal 1° luglio 2007, con la liberalizzazione della fornitura di energia elettrica e gas a livello italiano e dell’Unione Europea. Numerose aziende private e municipalizzate si sono quindi date da fare per la produzione in proprio di un nuovo sistema di fornitura, con un regime di concorrenza pressoché identico rispetto a quello riguardante la telefonia fissa e mobile. Niente più monopolio dello Stato, dunque, ma una serie di proposte tra le quali il cliente può selezionare quella dal maggiore compromesso fra qualità e prezzo. Quest’ultimo viene a sua volta regolato dall’Autorità per l’Energia e il Gas (AEGG), che agisce per garantire una sufficiente tutela al consumatore che deve usufruire di determinati servizi. Ogni utente può passare da una compagnia ad un’altra allo scadere del rispettivo contratto, inviando una comunicazione e senza la spesa di penali aggiuntive.

Cosa succederà nel mese di luglio 2019

Il mese di luglio 2019 potrebbe essere davvero cruciale per la maggior parte dei clienti di luce e gas. La nuova legge sulla concorrenza prevede la necessità assoluta e inderogabile da parte di ciascun consumatore di doversi affidare al mercato libero, senza più poter chiedere aiuto ad aziende di Stato i cui prezzi sono adeguati ad un’apposita Authority. Un’introduzione di questo tipo potrebbe essere positiva grazie ad una possibile diminuzione dei prezzi dettati dalle varie compagnie. Tuttavia, la già citata Autorità per l’Energia e il Gas potrebbe fare molta fatica a tenere sotto controllo le varie tariffe, con una tutela estremamente limitata per i clienti.