Mercato libero e mercato tutelato del gas

Da diversi anni, quando si deve scegliere il proprio fornitore del gas, ci si trova spesso a richiedere informazioni tra quali siano le tariffe del mercato libero e quali quelle del mercato tutelato. Naturalmente, le proposte dei fornitori sul mercato libero sono molto più numerose e permettono di optare per soluzioni sempre diverse da scegliere in base alle proprie esigenze. La principale differenza tra le tariffe dei due mercati è data dai costi e dagli adeguamenti degli stessi. Il mercato tutelato, infatti, propone tariffe in continua variazione, in quanto si tratta di costi che vengono calcolati in base agli andamenti del mercato energetico. Ogni tre mesi, quindi, si potrà avere una tariffa differente, più o meno conveniente di quella precedente a seconda delle oscillazioni del mercato. Le proposte del mercato libero, invece sono quasi sempre con prezzo bloccato. Se si prende ad esempio una qualunque delle offerte Eni gas, si potrà notare come esse siano caratterizzate da un prezzo bloccato per dodici mesi (in alcuni casi per ventiquattro). Quando un cliente opta per il prezzo bloccato, allo scadere dei dodici (o ventiquattro) mesi si avrà un adeguamento delle tariffe. Cosa significa? Significa che il fornitore, in base agli andamenti del mercato, proporranno al cliente un nuovo prezzo che, a sua volta, resterà bloccato per ulteriori dodici mesi. Se il prezzo offerto non risulterà di gradimento al cliente, egli potrà tranquillamente scegliere di rivolgersi a un altro fornitore che, per quello stesso periodo, potrà avere una proposta di tariffa più conveniente. L'adeguamento della tariffa viene comunicato almeno trenta giorni prima della scadenza dei dodici mesi in modo da assicurare al cliente il tempo necessario per valutare la nuova proposta.