Cosa comporta pagare la bolletta Acea scaduta? Quali sono le tempistiche per evitare di incorrere nella sospensione della fornitura? A porsi queste domande sono in particolare i clienti titolari di una fornitura energetica con Acea, il fornitore attivo nel mercato libero che ha la propria sede legale presso la città di Roma. A seguire la risposta alle domande iniziali e alcuni consigli pratici su come evitare di pagare la bolletta Acea scaduta.

Cosa comporta pagare la bolletta Acea scaduta

Il pagamento in ritardo della bolletta Acea rende l'utente moroso rispetto al fornitore. Se la morosità è prolungata nel tempo, si riceve al proprio domicilio un avviso di sospensione della fornitura. Se l'utente non provvede a pagare la bolletta entro il termine prefissato nell'avviso di sospensione, il fornitore richiede la chiusura della fornitura e del contatore al distributore locale.

Quali sono le tempistiche per pagare la bolletta Acea scaduta

Nell'avviso di sospensione, Acea Energia allega un bollettino postale che fissa la scadenza del pagamento nei 15 giorni successivi. Superato tale limite, Acea sospende la fornitura e nel frattempo concede ulteriori 30 giorni di tempo per saldare il pagamento o i pagamenti dovuti. Trascorsi anche i 30 giorni, Acea procede con la cessazione amministrativa.

Evitare di pagare la bolletta Acea scaduta

Per non pagare la bolletta Acea in ritardo si consiglia di attivare l'addebito diretto attraverso la domiciliazione bancaria, utile sia a pagare sempre le bollette anche se ce ne si dimentica e vantaggiosa in termini di tariffe economiche.