Cosa succede quando le bollette non arrivano?

Negli ultimi anni si sono registrate diverse richieste di informazioni in relazione a bollette Acea Energia che non vengono recapitate o che vengono consegnate con grande ritardo. La problematica delle bollette Acea smarrite può portare a dover pagare delle more per non aver rispettato i tempi di pagamento della fattura e, nei casi più gravi, a vedersi staccare le utenze. Come procedere quindi nel caso in cui ci si rende conto di non ricevere la bolletta dell'Acea? Per prima cosa è necessario contattare il servizio clienti e chiedere se la bolletta è stata regolarmente emessa e in che data. In questo modo si potrà avere la certezza dell'effettivo ritardo, ossia sapere quando e se è stata effettivamente spedita. Se la spedizione è stata regolare e la mancata consegna è da imputarsi a un cattivo funzionamento delle poste, l'unica possibilità per evitare problemi futuri è quella di richiedere il pagamento tramite domiciliazione bancaria. In questo modo non si avranno ritardi nei pagamenti, si eviteranno le more o il rischio di distacco delle utenze e, inoltre, si potranno ricevere le bollette via mail per un maggiore controllo sulle spese. Se, tuttavia, non si può procedere con la domiciliazione bancaria perché non si è titolari di un conto corrente, allora si potrà optare per altre soluzioni. Per prima cosa, se si è accertato che la propria bolletta Acea viene smarrita per un mal funzionamento della posta nella propria area di residenza, si può chiedere l'invio della bolletta presso un altro indirizzo (di lavoro, di un parente o di un amico) o si potrà richiedere l'invio della bolletta tramite mail. Se, invece, non si tratta di smarrimento delle bollette ma di ritardi nell'emissione da parte di Acea, si potrà scegliere di cambiare fornitore, optando per uno dei molti sul mercato come Sorgenia.