Il consumo dell'energia elettrica in specifiche fasce orarie gioca un ruolo determinante nell'importo complessivo della bolletta energetica. Questo è uno dei motivi principali per cui alla domanda come risparmiare energia elettrica, le fasce orarie sono un aspetto da tenere in massima considerazione. Quando si parla di fasce orarie nella bolletta energetica, il riferimento diretto va alla tariffa monoraria e alla tariffa bioraria. Conoscere il loro significato, sapere la percentuale esatta di consumo in una fascia anziché in un'altra, è fondamentale per ottenere un risparmio considerevole sulla bolletta energetica con qualsiasi società. Segue una breve analisi sulle fasce orarie riportate nella bolletta della luce elettrica, con la spiegazione di cosa sia la tariffa monoraria e la tariffa bioraria, proponendo infine dei suggerimenti utili su come risparmiare energia elettrica in base alle fasce orarie.

Fasce orarie tariffa bioraria

Nello specifico, la tariffa bioraria presenta la fascia oraria F1 e la fascia oraria F23. La prima corrisponde alle ore centrali del giorno, dalle 8 alle 19 dei giorni feriali, vale a dire dal lunedì al venerdì. Il prezzo della componente luce elettrica nella fascia F1 è più caro rispetto a quello della fascia oraria F23, basata sui seguenti orari: dalle 19 alle 8 dei giorni feriali e 24 ore su 24 il sabato, la domenica e i giorni festivi.

Fasce orarie tariffa monoraria

Parlare di fasce orarie quando ci si riferisce alla tariffa monoraria per il prezzo della componente energia è fuorviante. Infatti, la tariffa monoraria presenta un costo identico della materia prima luce indipendentemente dall'orario e dal giorno in cui avviene il consumo. Per fare un esempio pratico, chi aderisce a un'offerta con tariffa monoraria, se utilizza la lavatrice il alla domenica o al mercoledì paga la componente energia sempre al prezzo indicato dal contratto.

Come risparmiare energia elettrica con le fasce orarie della tariffa bioraria

È logico che per risparmiare energia elettrica sfruttando le fasce orarie della tariffa bioraria è fondamentale concentrare l'utilizzo della luce nelle ore serali della settimana, dal lunedì al venerdì, e nel fine settimana, giorni festivi inclusi. La percentuale di consumo in base alle fasce orarie viene esplicitata nella seconda pagina della bolletta energetica, dove vengono contrapposti i dati di consumi nella fascia F1 e nella fascia F23. Per risparmiare energia elettrica, è importante che il valore di consumo in termini percentuali della fascia F23 (fascia blu nella bolletta dei clienti che aderiscono a un'offerta con tariffa bioraria Enel Energia) sia pari o superiore al numero 67. In caso contrario, il risparmio di energia si ha con la tariffa monoraria.