Individuare il fornitore per il servizio elettrico è una questione molto delicata e che tiene in considerazione non solo aspetti di natura economica, come le diverse offerte di energia elettrica per la casa, ma anche ambientale.

Tra i player del mercato energetico, NeN Energia si distingue per la possibilità di risparmiare sulla bolletta della luce, grazie alla possibilità di pagare la stessa cifra per i primi 12 mesi di fornitura. 

Come risparmiare sulla bolletta NeN

Una delle caratteristiche distintive dell’offerta di NeN Energia è il costo fisso della bolletta per i primi 12 mesi della fornitura. Infatti, al momento della sottoscrizione del contratto per la luce, gas o per entrambe il cliente deve caricare nell’apposita area riservata l’ultima bolletta e, sulla base di questo documento, il fornitore effettua una stima dei consumi annuali e li ripartisce in 12 rate di pari importo. 

NeN, l’EnerTech di A2A, permette ai consumatori pertanto di risparmiare sulla bolletta della luce per differenti ragioni, tra cui: 

  • la rata da pagare ogni mese viene stimata sulla base dei consumi reali. Infatti, prima di sottoscrivere il nuovo contratto di fornitura, NeN Energia richiede l’ultima bolletta e, sulla base di quanto riportato al suo interno, effettua una stima dei costi annui. Questi vengono successivamente ripartiti nelle 12 mensilità che il consumatore dovrà corrispondere mese dopo mese. 
  • la rata è fissa e non può cambiare per la durata annuale della fornitura. In questo modo il cliente conosce, preventivamente, la spesa mensile da dover sostenere per la fornitura luce, e non incorre nel rischio di aumenti del costo della materia prima. Da questo punto di vista è opportuno sottolineare, infatti che ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) aggiorna trimestralmente il costo delle materie prime al quale i fornitori devono adeguarsi. 
  • la rata viene ri-calcolata solo dopo 12 mesi e, eventualmente, può essere necessario un aumento del canone mensile. 

Tuttavia, è opportuno sottolineare che sottoscrivere un contratto di fornitura con una rata fissa non autorizza il cliente a consumare una quantità di energia elettrica illimitata.

Infatti, secondo quanto previsto dalla legge, NeN Energia richiede al cliente di corrispondere un canone fisso per i consumi effettivi ma, ogni mese, calcola la differenza tra l’importo da corrispondere e quello che il cliente avrebbe dovuto pagare: in sostanza, la differenza tra quello che bisogna pagare e l’energia che è stata utilizzata.

La differenza tra le due voci viene inserita all’interno della bolletta, nella voce “cuscinetto” e, se al termine dei 12 mesi di contratto, emerge che il costo mensile sostenuto è superiore ai consumi reali, allora la “rata” per l’anno successivo viene abbassata; al contrario se il costo mensile sostenuto è inferiore ai consumi, allora la “rata” per l’anno successivo viene adeguata di conseguenza. In ogni caso, non è previsto un conguaglio finale. 

Oltre agli elementi sopra citati che possono comportare un risparmio in termini economici, è opportuno ricordare che con NeN Energia il consumatore ottimizza in maniera significativa anche il tempo dedicato al pagamento delle bollette.

NeN Energia permette di corrispondere il canone mensile in maniera digitale, attraverso carta di credito o accredito su conto corrente bancario: in questo modo il consumatore non deve preoccuparsi della scadenza entro la quale dover corrispondere la bolletta.

A queste prime due tipologie di risparmio, se ne aggiunge una terza che è orientata verso la riduzione degli sprechi e la tutela ambientale. NeN Energia - come altre aziende del settore energetico, tra cui Sorgenia - utilizza energia proveniente solo da fonti rinnovabili e, coerentemente con questo impegno, non invia la bolletta in forma cartacea.

Il cliente può infatti scaricare il resoconto dei consumi accedendo alla propria area riservata online o tramite applicazione (che per i clienti Sorgenia si chiama MySorgenia). 

Come risparmiare gli oneri di sistema NeN

Come è noto, il costo complessivo della bolletta che il consumatore deve corrispondere al fornitore luce e gas dipende da differenti voci di costo tra cui gli oneri di sistema.

Si tratta delle spese accessorie che consentono di coprire i costi sostenuti per garantire il corretto funzionamento del sistema elettrico: tra questi si ricordano quelli per il finanziamento per la ricerca e lo sviluppo elettrico, gli incentivi per la produzione di fonti rinnovabili e green.

È opportuno sottolineare che gli oneri di sistema sono strettamente legati al raggiungimento di obiettivi collettivi in relazione al sistema elettrico. 

Usualmente tra gli oneri di sistema rientrano l’ASOS, che riguarda gli oneri generali a sostegno dell’energia rinnovabile e della cogenerazione, e l’ARIM, che riguarda i rimanenti oneri generali. Appare quindi evidente come i costi relativi ad attività di interesse collettivo debbano essere corrisposti da tutti, a prescindere dal fornitore luce e gas che viene scelto. Pertanto, non è possibile parlare di risparmio degli oneri di sistema per NeN, come per altri fornitori del mercato energetico. 

Si ricorda che gli oneri di sistema sono comunque inclusi all’interno del canone mensile della bolletta NeN Energia, insieme alle spese di trasporto e gestione, nonché le tasse previste. 

Vuoi risparmiare sulle utenze? Inizia dalla scelta dell'operatore.
Con Sorgenia abbandoni le offerte preimpostate e calcoli la tua tariffa in base ai consumi effettivi.

Nuovo allaccio NeN come risparmiare le spese

Se non si è soddisfatti del proprio fornitore luce e gas, NeN Energia costituisce la soluzione più adatta al proprio profilo energetico domestico, è opportuno ricordare che per chiudere il contratto di fornitura precedente occorre poco tempo (appena 5 minuti). Tuttavia, affinché il passaggio diventi definitivo è necessario che trascorrano tra i 33 giorni al 62 giorni lavorativi. 

Durante la fase di passaggio il consumatore potrebbe continuare a ricevere le bollette del precedente fornitore, il quale è tenuto ad inviare la seguente documentazione: 

  • fattura relativa al periodo di fornitura che non è ancora stato saldato. Questo documento sarebbe stato inviato in ogni caso in quanto relativo a consumi precedenti al passaggio. 
  • bolletta di chiusura contratto che serve per restituire eventuali cauzioni e coprire l’energia utilizzata fino al giorno in cui si attiva la nuova fornitura. È opportuno ricordare che questa bolletta deve essere inviata al nuovo fornitore entro, al massimo 6 settimane dal passaggio. 

Per poter passare a NeN Energia è sufficiente accedere alla pagina dedicata sul sito e inserire le informazioni richieste, scegliendo la tipologia di fornitura tra luce, gas o entrambe, e caricare la bolletta in formato digitale. Il calcolo della rata mensile viene immediatamente calcolata e il consumatore può decidere se procedere o meno. 

È opportuno ricordare che per passare a NeN Energia non devono essere sostenuti costi di attivazione e che il cliente non è tenuto ad effettuare depositi cauzionali. 

In conclusione, NeN Energia è un fornitore luce e gas che può permettere di risparmiare in maniera consistente attraverso l’abbonamento fisso. Oltre al risparmio economico, è fondamentale tenere presente il risparmio in termini ecologici: infatti, offre ai propri clienti di gestire le bollette e i pagamenti attraverso la propria area riservata e l’applicazione per smartphone. 

Da questo punto di vista NeN Energia presenta delle affinità con Sorgenia che utilizza energia 100% da fonti rinnovabili, non invia la bolletta cartacea per ridurre il consumo di carta e mette a disposizione dei propri clienti la possibilità di controllare i consumi attraverso l’applicazione per smartphone e tablet MySorgenia.

Per quanto riguarda i metodi di pagamento, infine, Sorgenia consente di utilizzare anche Paypal, mentre NeN Energia almeno per il momento si limita alla carta di credito e alla domiciliazione su conto corrente, fattori che incidono al momento sulle recensioni di NeN rilasciate dagli utenti.