Contratto Enel uso agricolo

I proprietari di un terreno agricolo che necessitano di una fornitura energetica devono sottoscrivere un contratto Enel con tariffa BTA (acronimo che indica Bassa Tensione Altri usi). Non è dunque possibile accedere alle offerte del mercato libero di Enel Energia, le quali prevedono determinate tariffe per usi domestici. A seguire una breve panoramica sul contratto Enel per uso agricolo ed eventuali agevolazioni previste per chi ha la necessità di una fornitura per uso agricolo.

Contratto Enel uso agricolo: tariffe BTA

Le BTA sono tariffe per usi diversi dall’abitazione, rivolte principalmente a tutte le piccole imprese che possiedono meno di 50 dipendenti e hanno un fatturato annuo inferiore ai 10 milioni di euro. Esistono sei diverse tariffe per Bassa Tensione Altri Usi, ciascuna diversa dall’altra a seconda del quantitativo di potenza impegnata richiesta. In genere, chi fa la richiesta di un contratto Enel uso agricolo necessità di una potenza impegnata inferiore ai 30 kW. Per questo motivo, tra le 6 tariffe BTA è bene tenere in considerazione l’ultima, la BTA 6, destinata ai clienti con una potenza impegnata oltre i 16,5 kW. I costi vengono stabiliti dall’Autorità per l’energia in Italia, che aggiorna i prezzi alla fine di ogni trimestre.

Agevolazioni IVA per contratto Enel uso agricolo

Occorre infine sottolineare che è possibile ottenere delle agevolazioni sull’IVA se si ha un contratto Enel per uso agricolo. Infatti, i titolari di un contratto di fornitura per uso agricolo dispongono dell’IVA al 10 per cento.