Contratto luce pertinenze

Qual è il contratto luce per pertinenze? Gli intestatari di un contratto di fornitura a uso domestico si domandano quale sia la tipologia di contratto luce per le pertinenze. Per rispondere al quesito, è necessario prima di tutto spiegare cosa siano le pertinenze. Prendendo come punto di riferimento l’abitazione principale, le pertinenze fanno riferimento a cantine, soffitte e autorimesse. Per ciascuna di queste unità pertinenziali, i titolari del contratto di fornitura energetica pagano una tariffa diversa rispetto a quella destinata agli usi domestici. A seguire un breve approfondimento sulla tipologia di contratto luce adatta per le pertinenze delle abitazioni domestiche.

Contratto luce pertinenze tramite le tariffe usi diversi abitazione del Servizio Elettrico Nazionale

Il contratto luce per pertinenze viene definito dalle tariffe usi diversi abitazione del Servizio Elettrico Nazionale. Vengono identificate con l’acronimo BTA (Bassa Tensione Altri usi) e si differenziano rispetto alle tariffe per usi domestici sia per il loro utilizzo che per la loro classificazione in base alla potenza impegnata. Esistono sei tariffa a Bassa Tensione Altri usi su cui poter scegliere. In genere, per le pertinenze sono indicate le tariffe BTA1 e BTA2, vale a dire le tariffe triorarie che si rivolgono ai clienti che necessitano di una potenza impegnata rispettivamente fino a 1,5 e fino a 3 kW. I prezzi vengono stabiliti alla fine di ogni trimestre da parte dell’Autorità italiana per l’Energia, così come avviene per le offerte del Servizio Elettrico Nazionale per usi domestici che rispondono alle condizioni economiche del Servizio di Maggior Tutela.