Quando è possibile richiedere o ricevere un rimborso da Edison? Questa è una delle domande più frequenti tra i titolari di un contratto Edison. Occorre prima di tutto fare una distinzione tra clienti che hanno una fornitura attiva e gli utenti che invece hanno cessato la propria fornitura dopo una disdetta o un cambio fornitore. A seguire un breve approfondimento sul rimborso Edison, in particolare sulle modalità di pagamento e sui contatti tenere in considerazione al momento della richiesta.

Rimborso Edison per utenti con fornitura attiva

Gli utenti con fornitura attiva che devono ricevere un rimborso da parte di Edison Energia vengono avvertiti preliminarmente dal fornitore stesso attraverso una comunicazione scritta sulla bolletta cartacea o in formato digitale. L'avviso in bolletta comunica all'intestatario della fornitura che il rimborso verrà accreditato in automatico nella bolletta successiva e andrà a determinare l'importo complessivo della stessa. Se, ad esempio, il rimborso previsto è di 100 euro e la bolletta ha un importo di 120 euro, l'utente sarà tenuto a pagare soltanto 20 euro. Se l'utente desidera riscattare il credito a suo favore prima della ricezione della nuova bolletta, deve comunicarlo al servizio clienti Edison. In questo caso, il rimborso è effettuato tramite bonifico bancario o assegno vidimato.

Rimborso Edison per utenti con fornitura cessata

In caso di fornitura cessata, Edison invita gli ex clienti a contattare telefonicamente il servizio clienti per la comunicazione della modalità con cui si intende ricevere il rimborso. L'ex utente Edison Energia può scegliere tra bonifico bancario o assegno vidimato.