Il contatore elettronico del gas di Eni

Negli ultimi anni i vecchi contatori meccanici per il rilievo dei consumi del gas sono stati sostituiti con i contatori elettronici. Anche se la fase di sostituzione è ancora lunga e molti consumatori dispongono ancora dei vecchi contatori, nella maggior parte dei casi le sostituzioni sono state effettuate e in molti si chiedono come funziona questo nuovo modello, caratterizzato da un display che riporta diverse informazioni. Per prima cosa va sottolineato che i display sono sempre spenti, in modo da ottimizzare i consumi energetici. Se si vogliono leggere le informazioni registrate su di esso, andrà pertanto acceso utilizzando il pulsante specifico. Con lo stesso pulsante o, a seconda del modello del contatore, con un pulsante differente, si potranno poi visualizzare le diverse informazioni relative al consumo del gas, al numero clienti e, in alcuni casi, al PDR. Questo codice, fondamentale per la definizione del contatore e quindi per la lettura dei consumi, non viene riportato sempre ma può essere comunque facilmente trovato in bolletta.

Lettura e autolettura del contatore elettronico del gas

Chi era abituato a procedere con l'autolettura del contatore per comunicare i propri consumi in modo da avere sempre una bolletta in linea con quanto effettivamente consumato, con il contatore elettronico non avrà più necessità di procedere a tale operazione. Questo tipo di contatore, infatti, comunica in remoto con il distributore che, pertanto, sarà sempre aggiornato sui consumi. Tuttavia, è importante che il cliente controlli regolarmente la lettura sul display del contatore per avere la sicurezza sulle corrette modalità di comunicazione tra contatore e distributore. Va comunque sottolineato che il contatore elettronico permette di rilevare i consumi in maniera molto più precisa rispetto a quello meccanico.