Ci stiamo ponendo la stessa domanda che ogni consumatore si pone prima di scegliere a quale gestore di servizi energetici affidarsi. Spesso il mercato libero spaventa, dopo decenni di monopolio; ed affidarsi ad un nome già familiare sembra apparire la soluzione migliore, ma così non è. Per capire se effettivamente stiamo compiendo la scelta giusta, è necessario un approccio scientifico e razionale, analizzando costi e benefici dell'operazione. In primo luogo la soluzione Enel Energia Impresa non è una soluzione unitaria, ma offre profili differenti a seconda delle dimensioni della tua impresa o del tipo di attività professionale svolta. Questo potrebbe apparire un vantaggio, in realtà si traduce in una difficoltà notevole nel reperire autonomamente e senza intermediari i costi delle offerte proposte. Il tutto, nonostante il sito declami affidabilità e trasparenza. Tradotto: senza affidarsi ciecamente ad un operatore è difficile districarsi da soli e farsi un'idea della convenienza della scelta. Inoltre, come accennato, non esiste un'unica soluzione dedicata alle imprese. Perciò dovrete capire a quale categoria, secondo Enel Energia, apparteniate, a quali piani tariffari potrete accedere e quali, invece, ci sono preclusi. Esiste, per l'appunto, un piano rivolto a partite IVA e professionisti, un piano riferibile alle start-up ed alle piccole e medie imprese, un altro ancora alle imprese di grandi dimensioni. Ma non basta, bisogna inoltre rispettare determinati criteri dimensionali oltre che di categoria. Con valutazioni degne della migliore e più complessa burocrazia. Nel caso dei professionisti e delle partite IVA la soglia dimensionale da rispettare riguarda i dipendenti dell'azienda, che non devono superare le dieci unità. Per start-up e piccole e medie imprese non bisogna superare la soglia dei cinquanta dipendenti. Infine, per accedere alle tariffe relative alle grandi imprese bisogna rispettare altissime soglie di consumo, pari a centomila euro per la fornitura di energia elettrica e di cinquantamila per la fornitura del gas. In ultimo, esiste un'ulteriore piano per le pubbliche amministrazioni. Ancora, notiamo che Enel Energia offre servizi gas e luce integrati solo per start-up, piccole e medie imprese e grandi imprese, non per i professionisti. In ogni caso, qualora fossimo riusciti ad orientarci tra queste complesse regole, in termini di prezzo, troviamo convenienza? La risposta è no. Prendiamo ad esempio l'offerta gas di Enel Energia per i professionisti. Il costo della componente gas (altre spese escluse) è di 36 centesimi per metro cubo standard, contro i 23,7 centesimi di Sorgenia Next Energy Gas a metro cubo standard. Insomma, un risparmio netto di 13 centesimi a metro cubo. Andando alla componente energia, il prezzo di Sorgenia è di 0,07893 € per kiloWatt contro 0,079 di Enel Energia. Lo stesso prezzo, apparentemente. In realtà non è così. Il primo contiene le spese di distribuzione e dispacciamento, escluse dalla tariffa di Enel. E non è finita qui, Sorgenia, grazie alle sue partnership, prevede numerosi benefits e vantaggi. Innanzi tutto portando un amico in Sorgenia risparmi 30€ in bolletta, fino a 3.000€, che aumentano a 60€ nel caso di offerta integrata Luce e Gas. Si tratta poi di regali a tutto tondo per il tuo intrattenimento. Puoi guardare Chili Tv, leggere la Gazzetta dello Sport ed il Corriere della Sera, ascoltare la tua musica preferita con Deezer, viaggiare e divertirti con sconti su Volagratis e Smart Box, mangiare con Uber Eats o giocare per tre mesi a Minecraft.