Sistemi di riscaldamento innovativi

I sistemi di riscaldamento innovativi fanno quasi sempre rima con risparmio energetico e, di conseguenza, costi minori durante l’anno per riscaldarsi all’interno della propria abitazione. I migliori tre sistemi di riscaldamento innovativi sono rappresentati dalla caldaia a condensazione, dalla caldaia a zeolite e dal solare termico. A seguire una breve descrizione di ciascun sistema di riscaldamento, con i principali vantaggi derivanti dall’adozione di ognuno di loro.

Sistemi di riscaldamento innovativi: la caldaia a condensazione

La caldaia a condensazione alimentata con gas a metano permette di ottenere un risparmio in termini di spesa per il riscaldamento in casa durante la stagione invernale quantificato in circa il 40 per cento rispetto alle caldaie tradizionali. La principale innovazione della caldaia a condensazione risiede nello sfruttamento del calore residuo presenti nei fumi di scarico. Ciò è dovuto grazie ai nuovi materiali con cui sono state costruite le caldaie più moderne. A fronte di una spesa iniziale maggiore per l’elettrodomestico, il ritorno economico è garantito sul medio-lungo periodo.

Sistemi di riscaldamento innovativi: la caldaia a zeolite

La caldaia a zeolite sfrutta l’azione naturale di un minerale conosciuto ormai da tempo in campo scientifico. La traduzione letterale di zeolite è pietra che bolle. Grazie alle sue proprietà naturali, il minerale su cui si basa uno dei sistemi di riscaldamento più innovativi è in grado di fornire un rendimento energetico superiore al 150 per cento rispetto a tutte le altre caldaie oggi in vendita. Inoltre, sempre in termini di risparmio, la caldaia a zeolite richiede un consumo pari a circa il 30-35 per cento in meno rispetto alle stesse caldaie a condensazione.

Sistemi di riscaldamento innovativi: il solare termico

Il mercato dei pannelli solari termici in Italia continua a crescere. Attualmente, esistono due tipi di impianti solari termini: uno a circolazione forzata e uno a circolazione naturale. Il primo ha una resa maggiore durante la stagione invernale e un costo più elevato, il secondo invece presenta dimensioni più compatte e un prezzo d’installazione più economico rispetto all’altra tipologia d’impianto.