Scadenza Tutela Simile Ciascun contratto che prevede la sottoscrizione di un'offerta Tutela Simile ha una durata complessiva di dodici mesi. A differenza di quanto succede nel mercato libero, l'offerta di Tutela Simile non è più sottoscrivibile per il secondo anno consecutivo. Ciò significa che chi aderisce all'istituto di Tutela Simile, una volta terminato il primo anno ha davanti a sé tre opzioni: 1) Restare con lo stesso fornitore ma aderire a un'offerta del mercato libero, compiendo di fatto il passaggio dal mercato tutelato a quello libero in maniera naturale. 2) Cambiare fornitore e scegliere un contratto nuovo, aderente al mercato di maggior tutela (Enel Servizio Elettrico Nazionale) o al mercato libero. 3) Restare con lo stesso fornitore dell'offerta di Tutela Simile, ma all'interno di un'offerta con condizioni economiche definite dall'Autorità

Abolizione Tutela Simile

Oltre alla naturale scadenza del contratto dell'offerta Tutela Simile di ciascuna società, che per legge deve avvenire al termine dei dodici mesi dall'attivazione del contratto, è importante anche sottolineare come l'istituto della Tutela Simile non è eterno ma avrà termine anche lui contemporaneamente all'abolizione del Servizio di Maggior Tutela. Inizialmente prevista per il 1° luglio 2019, la data è stata rinviata di dodici mesi, al prossimo 1° 2020, sulla falsariga di quanto era già accaduto in precedenza, quando dal 1° luglio 2018 si era passati al 1° luglio 2019. Il motivo è semplice: la Tutela Simile è stata istituita per favorire il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero, quando il primo sarà cessato in via definitiva, cesserà in automatico anche la Tutela Simile istituita dall'Autorità.