Che cos'è la voltura e che documenti servono

Per poter effettuare una voltura, ossia per modificare il nome dell'intestatario di un'utenza luce o gas, è necessario presentare una serie di dati e informazioni, nonché documenti. Si ricorda che la voltura rappresenta esclusivamente il cambio di intestazione del contratto e non prevede nessun tipo di modifica al contratto stesso. Inoltre si deve ricordare che la voltura può essere effettuata esclusivamente quando le utenze sono già attive. Per poter procedere con la voltura della corrente elettrica, nello specifico quando si ha un contratto con il fornitore A2A Energia, è necessario effettuare richiesta tramite il servizio clienti. Il gestore A2A Energia presenta diversi numeri a seconda della provincia da cui si sta chiamando: sulla pagine dei contatti, all'indirizzo https://www.a2aenergia.eu/area_clienti/contatti_a2a_energia/index.html, sarà possibile trovare quello di riferimento per la propria area. Le informazioni che bisognerà comunicare al personale telefonico sono relative ai propri dati, (nome, cognome, residenza, codice fiscale) e a quelli dell'utenza. In particolare, sarà necessario specificare qual è l'indirizzo per cui si richiede la voltura e quale il codice POD. Quest'ultimo viene riportato sulla bolletta, per cui basterà avere una vecchia bolletta per poter comunicare i numeri che costituiscono il codice stesso. Se non si dispone di una vecchia bolletta, si potrà recuperare il codice POD chiedendo informazioni al distributore di zona. Se si preferisce, la voltura può essere effettuata anche recandosi direttamente a uno degli sportelli presenti sul territorio, oppure tramite il sito internet del fornitore. Indipendentemente dalle modalità, sarà sempre necessario produrre la stessa documentazione.

I costi della voltura

La voltura con A2A energia prevede un costo che, tuttavia, non dipende dal fornitore in quanto viene definita dall'ARERA (Autorità di Regolazione Energia Reti e Ambiente). Si tratta per lo più di costi fissi, di oneri amministrativi e di gestione, che prevedono un totale di circa cinquanta euro più IVA. Se la voltura viene effettuata da un erede in seguito a decesso dell'utente precedente, A2A non richiede nessun costo di voltura.