Dopo quante bollette non pagate staccano la luce

Molti utenti in rete si domandano dopo quante bollette non pagate staccano la luce. In realtà, non esiste un numero di bollette preciso, dal momento che la procedura di distacco della luce elettrica viene avviata dopo il mancato pagamento di una singola bolletta. Ciò significa che gli utenti non devono chiedersi dopo quante bollette non pagate staccano la luce ma dopo quanti giorni dal mancato pagamento di una bolletta si rischia il distacco della corrente e la chiusura del contatore da parte del distributore su segnalazione del fornitore stesso.

Tempistiche per il distacco della luce in caso di mancato pagamento della bolletta

Pochi giorni dopo la scadenza della bolletta, in caso di mancato pagamento il fornitore invia un email o un messaggio in cui si ricorda che la scadenza della fattura. Trascorse due settimane dalla data di scadenza, l’intestatario della fornitura riceve un avviso di sospensione e in allegato un bollettino postale, in cui viene fissata una nuova data di scadenza. Di solito, il fornitore concede altre due settimane di tempo (15 giorni circa) al cliente per saldare il proprio conto. Se l’utente non paga la bolletta entro il termine indicato nell’avviso di sospensione della fornitura, la società fornitrice della luce avvia la pratica di chiusura del contatore.

Come evitare il distacco della luce per il mancato pagamento della bolletta

Tutte le società dispongono della domiciliazione bancaria come modalità di pagamento alternativa al bollettino postale o ai servizi di Internet Banking. Per attivarla è sufficiente compilare il modulo che si trova allegato a ciascuna bolletta della luce.