Con classe energetica A e B della casa ci si riferisce direttamente all'efficienza energetica di un'abitazione. Conoscere la differenza tra la classe energetica A e B casa è molto importante nel valutare pro e contro di un immobile, specialmente quando si decide di traslocare in una proprietà. Le classi A e B garantiscono al momento la migliore efficienza possibile. In totale, la scala della classe energetica è costituita da 7 lettere: si parte dalla A per arrivare fino alla G. A seguire la risposta alla domanda iniziale, con un breve approfondimento sulla differenza tra classe energetica A e B della casa.

Casa con classe energetica A

Un'abitazione che vanta la classe energetica A permette al proprietario di avere minori consumi e, nel medio-lungo periodo, un risparmio considerevole nella spesa di luce e gas. Nella maggior parte dei casi, vengono adottate le soluzioni più all'avanguardia nel settore energetico, come ad esempio l'installazione dei pannelli solari o del pavimento radiante. Inoltre, viene data molta importanza al lavoro di coibentazione, che garantisce un'efficienza energetica alla casa migliore rispetto agli immobili dove questo fattore viene trascurato durante i lavori di costruzione. La casa con classe energetica A vanta un consumo di energia minore di 30 kWh per mq annui.

Casa con classe energetica B

Una casa con classe energetica B ha un consumo di energia compreso tra i 31 e 50 kWh/mq in un anno. Dal punto di vista dell'efficienza energetica è da preferire dunque la casa con classe energetica A. È bene specificare che entrambe godono di una detrazione fiscale fino al 50 per cento, grazie alla proroga dell'ecobonus per tutto l'anno 2019.