Optima Italia è una compagnia definita multiutility perché in grado di erogare diversi servizi. Dalla telefonia fissa e mobile all'ADSL e alla fibra, dalla luce al gas, tutte le principali forniture vengono garantite ad un'ampia cerchia di potenziali clienti. Tuttavia, in alcuni casi si rende necessaria la disdetta. Scopriamo per quali motivi si può arrivare ad una decisione del genere e come va effettuata la disdetta Optima Italia.

Perché effettuare la disdetta da Optima Italia

Nata nel 1999, Optima Italia punta proprio sulla sua versatilità. Tuttavia, in alcuni casi tale scelta può essere un'arma a doppio taglio perché potrebbe andare a discapito della qualità e dei prezzi del servizio. È necessario effettuare un'attenta valutazione prima di cambiare rete di fornitura e trovare una compagnia capace di soddisfare le esigenze in materia economica e di efficienza del servizio. Solo dopo vari confronti, si può procedere alla disdetta Optima Italia in massima sicurezza, con la chance di trovare una società che sappia garantire migliori funzionalità sotto ogni punto di vista.

Disdetta Optima Italia entro 14 giorni dal contratto

Una volta stipulato un contratto per la fornitura di luce, gas, telefono o ADSL, il cliente non ha l'obbligo di rinnovarlo di anno in anno. Optima Italia offre ai suoi utenti l'eventuale opportunità di effettuare la disdetta nel corso dei primi 14 giorni dall'accettazione del contratto, senza alcun tipo di penale economica o motivazioni da presentare. Tutto ciò perché il Codice del Consumo assiste i consumatori e consente a questi ultimi il diritto di ripensamento. Il recesso dai servizi offerti da Optima Italia può essere richiesto inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno direttamente all'indirizzo di Optima Italia S.p.A., in Corso Umberto I, 174 – 80138 Napoli. Il modulo deve essere compilato e corredato da tutte le firme. Inoltre, se il cliente ha ricevuto accessori in comodato d'uso, è tenuto a restituirli senza spese aggiuntive.

Disdetta Optima Italia col contratto in essere

Ben diverso è il discorso messo in atto quando la disdetta da Optima Italia viene attuata quando sono passati i primi 14 giorni, e dunque quando il contratto è in essere. In tali occasioni, il cliente e il nuovo fornitore sono obbligati ad inviare un preavviso ad Optima Italia. A partire dal 1° gennaio 2017, diverse norme sono entrate in vigore e riguardano i contratti relativi alla fornitura di luce e gas. La compagnia con la quale si è scelto di stipulare il nuovo contratto deve inviare la comunicazione di disdetta da Optima Italia entro il decimo giorno dal mese che precede quello del cambio di fornitura. Se il contatore è stato chiuso con la conseguente disattivazione del servizio, si può inviare la richiesta di disattivazione tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all'indirizzo menzionato in precedenza, via email all'indirizzo servizioclienti@optimaitalia.com e via fax al numero 800 93 93 92. In ogni caso, è possibile inviare un messaggio ai recapiti già citati per eventuali ripensamenti.