Enel bolletta

Pubblicato il da in Bollette
Milioni di italiani appartenenti alla rete domestica hanno sottoscritto un contratto con Enel per la fornitura di luce e gas. Segue un approfondimento sulla bolletta Enel, che verte sulle domande più frequenti che i clienti si pongono: come si legge e come pagarla. Ciascun paragrafo si prefigge lo scopo di entrare nel dettaglio dell’argomento.

Come leggere la bolletta Enel

La parte più importante della bolletta Enel è rappresentata dall’importo da pagare e il termine ultimo (data di scadenza) entro cui il pagamento deve essere effettuato. Tali voci sono hanno una dimensione del testo maggiore rispetto a tutte le altre componenti della bolletta. Una delle voci che desta maggiore perplessità agli occhi degli utenti è Oneri di sistema. Essi vanno a comporre il costo complessivo della bolletta insieme alla spesa per la materia prima di energia (luce e gas), per la gestione del contatore e per il trasporto, oltre alle imposte. Gli oneri di sistema sono costi stabilità dall’Autorità e sono uguali per tutti i fornitori, anche se variano da bolletta a bolletta in quanto sono costituiti da una componente fissa e una variabile, in misura proporzionale al consumo di energia dell’utenza. Nell’intestazione della prima pagina si trovano poi i dati della fornitura: oltre al codice cliente e ai dati anagrafici collegati all’intestatario della bolletta, è possibile reperire le informazioni legate alla tipologia del cliente (domestico residente o non residente) e dell’offerta (mercato libero o maggior tutela). Sempre nell’intestazione della prima pagina ci sono i contatti attraverso cui è possibile dialogare con Enel (numero verde, numero a pagamento e indirizzo email). Nella sezione dedicata al prospetto dei consumi, si leggono le voci lettura stimata e lettura effettiva. La prima segnala al cliente che i consumi segnalati possono essere sottostimati o sovrastimati (successivamente il fornitore è tenuto a elaborare la cosiddetta bolletta di conguaglio, con i consumi reali). La seconda invece indica all’utente che i consumi sono quelli reali.

Come pagare la bolletta Enel

La bolletta Enel può essere pagata attraverso l’addebito diretto su conto corrente o carta di credito, scegliendo di optare per la domiciliazione bancaria. L’addebito diretto offre l’opportunità di risparmiare sul costo fisso associato all’invio della bolletta cartacea a casa. L’altra soluzione di pagamento è attraverso la carta di credito sfruttando l’app ufficiale di Enel, disponibile sia per gli smartphone Android che iOS, oppure attraverso l’Area Cliente a cui è possibile accedere da computer collegandosi al sito internet ufficiale di Enel. Inoltre, la bolletta Enel può essere pagata anche attraverso Lottomatica Servizi, Sisal Pay e i punti vendita Coop abilitati, presentando il codice a barra stampato sulla bolletta. Infine, rimane sempre valido come metodo di pagamento quello del bollettino postale, da presentare alle Poste, oppure tramite il servizio Postamat, lo sportello bancario di Poste Italiane, che oltre al prelievo permette anche di pagare la bolletta Enel.