I distributori e i venditori di energia elettrica per la vendita a clienti liberi

In seguito all’apertura del mercato dell’energia elettrica e alla conseguente cessazione del monopolio pubblico dell’Enel, attualmente è possibile individuare numerosi distributori e venditori di energia elettrica per la vendita a clienti liberi. Secondo il report dell’ARERA (l’Autorità per l’energia), infatti, i diversi enti superano le 19.000 unità. Vediamo quali sono i principali.

Differenza tra distribuzione e vendita

Prima di entrare nel vivo del discorso e individuare quali sono i principali distributori e fornitori di energia elettrica, è importante chiarire la diversa funzione assolta dagli uni e dagli altri.
Infatti, quando si parla di distribuzione e vendita si fa riferimento a due funzioni diverse che, secondo le normative attualmente in vigore, devono essere svolte da soggetti differenti. Per distribuzione si intende l’insieme delle attività che comportano il trasferimento dell’energia elettrica lungo la rete nazionale e locale: si tratta, quindi, dei soggetti che erogano materialmente l’energia ai clienti finali. Viceversa, la vendita viene svolta da enti di fornitura che si occupano dell’aspetto commerciale, essendo parti del contratto, richiedendone il prezzo ed emettendo le relative bollette.

I principali venditori di energia elettrica in Italia

Stando ai volumi di mercato e alle utenze gestite da ciascun fornitore, è possibile individuare un elenco di soggetti che si occupano della vendita di energia elettrica sul mercato libero.
Storico fornitore e attuale leader di mercato in Italia rimane l’Enel (acronimo di Ente Nazionale di Energia Elettrica), che detiene il primato per quanto riguarda il numero di clienti riforniti, sia in regime di mercato libero che di mercato di maggior tutela.
Accanto ad Enel, altra azienda storica nel mercato dell’energia (prima concentrata unicamente nel comparto gas) è Eni, che può vantare oltre sette milioni di clienti e, grazie alle sue offerte integrate Gas & Luce, può assicurare molteplici servizi ai propri utenti.
Venendo, invece, ai fornitori di ultima generazione (quelli nati ab origine come società di fornitura di diritto privato), possiamo individuare in primo luogo Sorgenia, che, grazie all’offerta Next Energy promette un prezzo bloccato per la fornitura energetica per i primi dodici mesi dall’attivazione.
Altro fornitore presente sul libero mercato dell’energia elettrica è Wekiwi, che si caratterizza per una gestione totalmente online del rapporto di fornitura, sia per quanto riguarda l’attivazione che per i pagamenti e l’emissione delle bollette.
Tra gli altri fornitori principali nel comparto dell’energia elettrica si possono elencare Enegrid e Illumia: quest’ultima, in particolare, offre diversi profili tariffari per i clienti domestici, tra cui un pacchetto di lampadine Led per completare la fornitura.

I principali distributori di energia elettrica

Venendo all’esame del comparto distribuzione, è bene precisare la distinzione che esiste tra distribuzione nazionale e locale. Infatti, anche in seguito alla liberalizzazione del mercato, per quanto concerne la gestione della rete elettrica ad alta tensione (quella su lunga distanza che attraversa il Paese da Nord a Sud), essa è affidata ad un unico operatore, la società Terna, nata da una costola di Enel, che opera in regime di monopolio naturale.
Viceversa, la distribuzione locale (a media e bassa tensione), viene gestita a seconda della porzione di territorio considerata da diversi operatori, tra cui si possono trovare società private e aziende municipalizzate: sono questi ad occuparsi della manutenzione della rete, della gestione dei contatori e dell’allacciamento e attivazione per le nuove utenze.
In particolare, esistono oltre 200 società di distribuzione per l’energia elettrica, le principali essendo:
E-Distribuzione (ex Enel Distribuzione), con una quota di mercato maggioritaria (superiore all’80%) e a cui è affidata la distribuzione locale a Napoli;
– A2A Reti, detentore del 4% circa del mercato e distributore locale a Milano;
Acea, che fornisce i propri servizi prevalentemente a Roma e provincia;
– Aem, che si occupa della distribuzione locale a Torino, Parma e numerosi altri comuni del centro-nord.