La manutenzione della caldaia a gas è un intervento obbligatorio, il cui costo viene addebitato al titolare della fornitura del gas, sia esso il proprietario della casa o un semplice affittuario (la persona che ha preso in affitto l'immobile). Viene svolto da un tecnico appartenente a una ditta specializzata, dopo aver concordato data e orario dell'appuntamento tramite una precedente telefonata. In genere la manutenzione della caldaia richiede un intervento della durata inferiore ai 60 minuti. A seguire un breve approfondimento sulla manutenzione della caldaia a gas, con tutte le informazioni più importanti da conoscere.

Ditta esterna o abbonamento fornitore per la manutenzione della caldaia a gas

La manutenzione della caldaia a gas può essere effettuata dal tecnico di una ditta specializzata contattata personalmente dall'intestatario della fornitura a gas oppure da una ditta collegata al fornitore con cui è stato stipulato un abbonamento di durata annuale. I costi sono differenti. Se ci si affida a una ditta esterna, per una manutenzione ordinaria la spesa prevista è tra i 70 e 80 euro, mentre la manutenzione che include il controllo dei fumi presenta un prezzo tra i 110 e 120 euro. Aderendo a una delle offerte per la manutenzione della caldaia a gas da parte dei fornitori, la spesa annuale (rateizzabile in bolletta per i già clienti) si aggira intorno ai 90-100 euro.

Periodicità manutenzione caldaia a gas

La periodicità della manutenzione della caldaia a gas è indicata in una specifica sezione del libretto d'uso e manutenzione allegato alla caldaia. Generalmente, la frequenza degli interventi per una manutenzione ordinaria è pari una volta ogni 12 mesi. Invece, il controllo dei fumi per una caldaia a gas deve essere effettuato una volta ogni quattro anni (caldaie alimentate con gas a metano o a GPL). I fattori che incidono sulla periodicità sono l'usura della caldaia e il numero di anni trascorsi dall'acquisto.