I clienti con potenza impegnata oltre 3 kW e fino a 6 kW hanno diritto alla tariffa trioraria Enel BTA3 (terzo grado di classificazione sulla base della potenza impegnata, con partenza da 1,5 kW fino a oltre 16,5 kW). Non c'è una sola quota fissa Enel 6 kW da pagare mensilmente. Infatti, oltre alla quota fissa connessa alla spesa per la componente energia (luce elettrica, ndr), c'è anche una doppia quota fissa mensile da pagare per i servizi di rete, direttamente collegata alla gestione e al trasporto del contatore, oltre agli oneri di sistema. Segue un breve approfondimento sulla quota fissa della tariffa BTA3 multioraria del Servizio Elettrico Nazionale, che ha preso il posto di Enel Servizio Elettrico Nazionale (di fatto soltanto un cambio di nome, così da favorire una migliore distinzione con Enel Energia).

Quota fissa Enel 6 kW per la componente energia

L'importo che i clienti della tariffa BTA3 multioraria del Servizio Elettrico Nazionale sono tenuti a pagare per la componente energia corrisponde a 9,779300 euro al mese. Tale quota fissa mensile va a concorrere in misura minore per la spesa complessiva della materia prima (luce), dal momento che alla voce materia energia concorre anche la quota energia variabile, i cui valori dipendono dall'energia elettrica consumata nelle tre differenti fasce orarie: 0,098870 euro/kWh (F1), 0,095280 euro/kWh (F2) e 0,082180 euro/kWh (F3).

Quota fissa Enel 6 kW per i servizi di rete

Ci sono poi altri due importi legati a una doppia quota fissa Enel 6 kW per la tariffa BTA3 multioraria Enel. La prima quota fissa fa riferimento alla spesa per la gestione e il trasporto del contatore. La seconda è collegata invece alla spesa per gli oneri di sistema. I due importi hanno un costo mensile rispettivamente pari a 2,091400 euro e 2,449700 euro. Gli importi di tutte e tre le quote fisse previste dalla tariffa BTA3 multioraria subiscono una modifica al termine di ogni trimestre sulla base di quanto stabilito dall'Autorità.