Da Edison a Eni e Enel Energia, tutti i principali fornitori di gas attivi nel mercato libero italiano dell'energia consentono ai propri clienti di rateizzare la bolletta del gas. La richiesta va presentata in genere entro i 10 giorni successivi alla scadenza della bolletta. A seguire una breve panoramica su quando e come rateizzare la bolletta del gas, con alcuni consigli pratici su come comportarsi in situazioni particolari, come ad esempio quando si ha la domiciliazione bancaria attiva.

Quando rateizzare la bolletta gas

Rateizzare la bolletta del gas è possibile qualora si riceva un addebito anomalo dovuto a un maxi-conguaglio o a un malfunzionamento del contatore. Si può procedere con la rateizzazione anche qualora l'importo della bolletta superi una determinata cifra (nella maggior parte dei casi deve essere superiore ai 50-75 euro). Non si può invece richiedere qualora ci siano già altre richieste di rateizzazione in corso.

Come rateizzare la bolletta gas

Enel Energia ed Eni, così come numerosi altri fornitori di gas, mettono a disposizione dei loro clienti la funzione Rateizzazione all'interno dell'area clienti privata via web oppure attraverso l'app ufficiale scaricabile da Google Play Store (Android) e App Store (iOS).

Rateizzare la bolletta gas con la domiciliazione bancaria

Chi ha un contratto di fornitura che prevede l'addebito diretto, prima di presentare la richiesta di rateizzazione della bolletta del gas ha l'obbligo di sospendere il pagamento automatico attraverso l'addebito su proprio conto corrente (domiciliazione bancaria).