Tariffa bioraria come funziona

Che cos’è la tariffa bioraria

L’utilizzo della corrente elettrica durante la giornata può essere differente a seconda del tipo di vita che si conduce, ossia se si vive e lavora da casa durante la giornata o se si lavora fuori e si sta a casa solo la sera e nei fine settimana. Nel primo caso, si farà un utilizzo regolare della corrente elettrica indipendentemente dall’orario e dal giorno della settimana. Nel secondo caso, invece, si sfrutterà la corrente soprattutto nelle ore serali e durante i week end. Le esigenze energetiche delle due situazioni riportate ad esempio sono quindi diverse: per questo è importante conoscere la differenza tra le tariffe mono-orarie e biorarie. Le prime prevedono un costo della corrente elettrica omogeneo per tutta la giornata mentre le biorarie offrono la divisione in fasce con costi differenti dell’energia.

Le fasce orarie

L’ARERA (Autorità per la Regolazione di Energia, Reti e Ambiente) ha inizialmente proposto tre differenti fasce orarie, ossia la F1, F2 ed F3. Tuttavia, le ultime due vengono regolarmente unite in una fascia F23 che comprende sia le ore serali che quelle notturne e, infine, i giorni festivi.
La F1 è la fascia giornaliera dei giorni feriali. Copre un intervallo orario che va dalla otto del mattino alle sette di sera di tutti i giorni esclusi, naturalmente, quelli delle festività nazionali. Questi, infatti, vengono inseriti nella F23 che è una fascia serale e festiva. L’orario di partenza della F23 è dalle sette di sera alle otto del mattino successivo. Questa fascia comprende non solo i giorni rossi del calendario, ossia le domeniche e le festività nazionali, ma anche il sabato.
Come già anticipato, il costo della materia prima energia durante la fascia giornaliera e serale/festiva è differente. La F23, infatti, presenta un costo medio più basso rispetto alla F1. Inoltre, va specificato che i costi possono variare a seconda del fornitore con cui si stipula il contratto e in base alla tariffa. Per questo motivo, quando si è interessati a questo tipo di contratto è necessario valutare con attenzione i costi offerti dalle diverse aziende ma anche controllare come questi variano in base alle tariffe.

Bioraria o mono-oraria?

Va sottolineato che non sempre la tariffa bioraria risulta conveniente. Se si vive regolarmente in casa, infatti, può convenire optare per una soluzione mono-oraria, come ad esempio Next Energy Luce di Sorgenia. Con un prezzo altamente conveniente e un prezzo bloccato per dodici mesi, questa proposta offre un gran risparmio a quanti fanno un utilizzo costante e regolare della corrente elettrica durante la giornata.